Aldo Palma: la materia come sensualità dell’essere

L’istinto trova riscontro immediato nel suo daimon senza una logica tradizionale, che assorbe prima di immetterle come materia sensuale nelle tele. La sua logica sulle tele è prevalentemente una logica dei solidi. La materia come sensazione tattile tridimensionale, l’esplosione del framing, il virtuosismo dei fili, sensitiva, poliedrica. Nella materia  ritrova l’istinto  primordiale che lo accompagna raffinato e meno accondiscendente, estremamente severo e poco incline alle emozioni interne, ma esplosivo nelle emozioni che lo raggiungono dall’esterno. Coming Soon: Refettorio Ambrosiano. Milan Design Week 4-9 April 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *